Esordio con vittoria per la Europe Energy Cestistica

Grande cornice di pubblico all’esordio stagionale della Europe Energy Cestistica: nella nuova casa del Centro Don Calabria i biancorossi hanno fatto registrare il “pienone” e soprattutto hanno portato a casa i primi due punti della stagione. A cadere sul parquet veronese è stato il Gruppo SME Caorle, battuto 70-58 grazie soprattutto alla difesa della “Cesta”, marchio di fabbrica del neo coach Dacio Bianchi. E’ stata anche la serata del ritorno in campo di Giorgio Boscagin, a distanza di un anno e mezzo, dopo “l’anno sabbatico”: per l’ex capitano della Scaligera debutto con tanto di doppia doppia (14 punti e 12 rimbalzi) e tanta energia e leadership al servizio dei compagni. Si è rivisto sul parquet anche Marione Soave, dopo l’infortunio al tendine d’achille della scorsa stagione, ma la vigilia del match con Caorle è stato caratterizzato dalla notizia che Nicolò Damiani starà fuori alcuni mesi a causa del distacco della retina.

La gara è stata viva ed equilibrata con la Europe Energy che ha provato a scappare via nel primo periodo di gioco (8-3) con i punti di Crestani e Soave. “Bosca” dalla lunetta sigla il 13-9 ma gli ospiti piazzano un break di 8-1 e passano avanti (16-18 a fine primo quarto). Nella seconda frazione spazio ai giovani veronesi Ruffo e Elio che contribuiscono al contro-sorpasso dei padroni di casa (22-20): la difesa di Dacio Bianchi si fa sentire, tanto che Caorle mette a segno soltanto 10 punti in questo quarto e si arriva all’intervallo lungo sul +7 interno (35-28). Nella ripresa la Cestistica raggiunge la doppia cifra di vantaggio (41-30), il pubblico si fa sentire ma la gara è ancora lunga (50-41 all’ultima pausa). Nella frazione conclusiva Pacione, Bovo e Soave vanno a segno a ripetizione e a metà tempo il tabellone recita 61-47. A un minuto e mezzo dalla fine ecco il massimo vantaggio biancorosso (70-53) con il cesto di Crestani, il match è in ghiaccio e il popolo della Europe Energy può iniziare la festa.

Andrea Etrari

Un commento

Join the Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *